Recensione Godzilla vs Kong: una rissa allegramente grande e stupida

Recensione Godzilla vs Kong: una rissa allegramente grande e stupida

Chiunque sia rimasto in qualche modo deluso dal 2014 di Gareth Edwards Godzilla sarà felice di sapere che quello di Adam Wingard Godzilla contro Kong fa quasi tutto diversamente. Laddove Edwards ha trattenuto i suoi mostri, Wingard non smette mai di mostrarli. Le creature di Edwards erano distaccate e per lo più disumane, mentre il Kong di Wingard si gratta il culo. La storia di Edwards cercava una sorta di plausibilità scientifica coerente, se non necessariamente accuratezza. Wingard sa che la scienza di questo film è stupida e non gli importa. Edwards ha fatto provare allo spettatore l'orrore di una città che viene calpestata. Il kaiju di Wingard apparentemente ha un numero enorme di cadaveri che tutti scrollano di dosso.

Ad essere onesti, entrambi gli approcci sono assolutamente validi. Tutto dipende dal tipo di film mash-up di mostri che risulta essere. Se vediamo il Leggendario Godzilla film come una trilogia, esclusi Kong: Isola del Teschio , poi la rata centrale, Re dei mostri , sembrava un compromesso sconsiderato tra due estremi. Godzilla e Godzilla contro Kong sono quegli estremi. Questa voce più recente, e molto probabilmente finale, sembra il cinema come una corsa da brivido. È distinguibile da un'esperienza in un parco a tema principalmente in quanto le sedie a casa non si muovono da sole. Sostanzialmente, fa Capitan America: Il Soldato d'Inverno sembra un vero thriller cospirativo degli anni '70 al confronto. Ma nessuno viene a vedere la sostanza. Vieni per l'equivalente mostruoso di Hulk Hogan contro Andre the Giant; rimani per il bizzarro Viaggio al centro della terra imbrogli che accadono nel mezzo.

IMPARENTATO: Il regista afferma che non ci sarà più un taglio di Godzilla vs. Kong

Sono successe molte cose dall'ultima volta che abbiamo visto i due kaiju. La popolazione nativa di Skull Island è stata completamente spazzata via da una strana tempesta. Quindi ora funge da struttura di ricerca sorvegliata, nascondendo Kong dal mondo e Godzilla in particolare. Quest'ultimo ha viaggiato per il mondo rendendo umili tutti gli altri mostri e l'organizzazione Monarch teme giustamente che un dinosauro nucleare possa uccidere la loro grande scimmia. Nel frattempo, il rettile gigante ha attaccato una fabbrica tecnologica, portando tutti a presumere che sia andato a male. Perché ovviamente gli umani presupporrebbero che la grande azienda tecnologica sia moralmente buona, mentre il salvatore letterale del mondo e dell'ambiente (due volte!) deve essere malvagio.

Un piano di difesa inverosimile coinvolge Kong e il centro della Terra, e i dettagli non contano davvero. La società tecnologica, d'altra parte, contiene lo spoiler del film segreto peggio custodito al mondo dalla fine di M. Night Shyamalan Il villaggio . Ciò che conta è che una volta che Kong lascia il suo santuario, Godzilla sente il bisogno di dimostrare di nuovo la sua alfa-ness. È l'ora dello scontro tra titani.

IMPARENTATO: Il trailer cinese di Godzilla vs. Kong include un enorme spoiler

Guarda, ecco cosa conta: i combattimenti sono fantastici. Certo, la geografia di Hong Kong non è del tutto chiara quando combattono lì, ma la pura e sconsiderata distruzione lo compensa. Le due grandi battaglie, una per mare e una in città, sono all'altezza del clamore. Anche quando la sceneggiatura separa i due in missioni secondarie separate, continuano a distruggere e uccidere cose. Nel frattempo, i gracili umani, tra cui Millie Bobby Brown, Alexander Skarsgard e Bryan Tyree Henry, volano in giro in veicoli antigravitazionali con Tron luci.

In termini di caratterizzazione dei mostri: Godzilla è fondamentalmente un coglione e Kong è una specie di doofus. Per prima cosa vediamo quest'ultimo sdraiato sulla sua isola, sbadigliando, allungandosi e grattandosi come Homer Simpson. Wingard ama anche suonare canzoni ironiche sulle sue scene. L'impulso a sentimentalizzare Kong rimane forte in troppi registi che sono cresciuti nel montaggio televisivo del film del 1933. Per fortuna, una volta che il suo arcinemico è entrato in scena, la scimmia diventa un affare. Godzilla, nel frattempo, si comporta come il bullo sul blocco, o forse il gatto che ha appena scoperto che un cucciolo si unirà alla famiglia. Nessuna delle due rappresentazioni è particolarmente coerente con ciò che questi film hanno mostrato prima, ma è probabile che a nessuno importi.

Più di due ore sarebbero troppe. Come un dessert all-you-can-eat, la grafica color caramella può durare solo così a lungo. I bambini probabilmente lo adoreranno, così come i genitori che possono mettersi sulla loro lunghezza d'onda almeno per un po' di tempo. Come film, è un ottimo pay-per-view della WWE.

Grado: 3/5

Acquisto consigliato: GODZILLA: THE SHOWA-ERA FILMS, 1954–1975 (The Criterion Collection) [Blu-ray]

Partecipiamo anche al programma di affiliazione Amazon Services LLC. Questo programma pubblicitario di affiliazione fornisce anche un mezzo per guadagnare commissioni collegandosi ad Amazon.com e ai siti affiliati.